Raffreddore

Raffreddore, malanno di stagione: Cure e rimedi!

Raffreddore, malanno di stagione!

Il raffreddore è il malanno di stagione più diffuso dei primi freddi, vediamo cure e rimedi!

 

Raffreddore
Raffreddore, a quali rimedi naturali possiamo affidarci?

In questo articolo analizzeremo caratteristiche e rimedi per il raffreddore.

Il raffreddore è una rinofaringite acuta, infettiva o virale, causata solitamente da Rhinovirus o Cornovirus. Questi virus sono dei piccolissimi microgranismi in grado di colonizzare il terreno fertile delle mucose nasali, riprodursi al suo interno e liberare tossine che aumentano la produzione di muchi (rinorrea) e l’infiammazione delle prime vie respiratorie.

Il Raffreddore si contrae spesso in seguito a brusche variazioni climatiche o dopo essersi esposti a corrente d’aria o alla pioggia. Il Raffreddore è ben distinto per gravità dall’influenza. I suoi sintomi durano dai 3-6 giorni e solitamente comprendono: starnuti, abbondante produzione di muco, congestione nasale, catarro e mal di gola, tosse, mal di testa e stanchezza. L’influenza invece è un’infezione virale più seria del tratto respiratorio, caratterizzata da un rapido innalzamento della temperatura, brividi di freddo, dolori muscolari.

      • Perchè di inverno ci sia ammala più spesso?

I motivi principali per i quali le patologie invernali sono più comuni possono riassumersi in tre semplici punti:

      1. Il Freddo, rallenta il movimento del muco, il cui compito è quello di formare una barriera contro l’ingresso di sostante esterne nocive
      2. I Luoghi chiusi, di inverno si passa puiù tempo in ambienti chiusi ed affollati dove i virus possono contagirare più facilmente
      3. Le Difese Immunitarie, sono solitamente sotto stress durante i periodi invernali

      • Come alleviare i sintomi?

I trattamenti che aiutano ad alleviare i sintomi del raffreddore sono i più noti nella tradizione farmacologica:

      1. Antinfiammatori, a base di Ibuprofene (Nurofen) o Salicilati (Aspirina) agiscono sull’infiammazione tenendola sono controllo
      2. Antipiretici, come il Paracetamolo (Tachipirina) agiscono sul dolore come analgesici e sul centro della termoregolazione
      3. Decongestionanti Nasali, a base di Nafazolina (Rinazina) o Oximetazolina (Vicks Sinex), agiscono come sintomatici liberando le prime vie aeree dal muco
      4. Associazioni, di tutti i principi attivi precedentemente descritti. Aiutano in una sola formulazione ad alleviare tutti i sintomi del raffreddore (Momenxsin, Nurofen Influenza e Raffreddore, Actigrip, Vicks Flu Action)

Ovviamente tutti i farmaci vanno assunti sotto controllo medico e il consiglio del Farmacista; mai nei bambini al di sotto dei 16 anni senza un’opportuna consulenza con il proprio pediatra.

      • Rimedi Naturali

Oltre alle classiche terapie farmacologiche tanti sono i rimedi naturali che possono essere utilizzati per il trattamento dei sintomi da raffreddamento:

      1. Soluzioni Fisiologiche od Ipertoniche, a base di acqua distillata o marina e con aggiunta di Xilitolo, Eufrasia e Sodio Jaluronato. Sono ottime per allontanare i muchi accumulati e per lenire le alte vie respiratorie, mantenendole pulite ed idratate
      2. Impacchi Balsamici, a base di Mentolo o Eucalipto. Grazie alla loro azione lenitiva ed antisettica riescono a liberare le vie respiratorie alleviando il classico sintomo di intasamento
      3. Lo Zenzero, assunto sotto forma di tisana o radice, grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie favorisce l’apertura delle vie respiratorie
      4. Il Salice, sotto forma di radice o tisana, condivide gli attivi dell’aspirina e ne è una versione naturale, ha proprietà analgesiche e antiflogistiche ed è particolarmente indicato nelle nevralgie (dolore di tempia e fornte) causate dal raffreddore

Inoltre bere molti liquidi, soprattutto se ricchi di Vitamina C (Cebion ne è un integratore), umidificare correttamente gli ambienti, soffiare sempre il naso e lavare spesso le mani, sono abitudini sempre importanti per favorire il corretto decorso della patologia

Ultimo ma non per importanza, le tre L, “Lana-Latte-Letto” tipico rimedio della nonna sono sempre valide.

Raffreddore
Cosa integrare per prevenire?

      • Come prevenire il raffreddore?

Il raffreddore una volta contratto può essere combattuto unicamente alleviandone i sintomi. Tuttavia prevenire si puòCon l’avvicinarsi del freddo e durante i periodi particolarmente stressanti per il corpo e per la mente si dovrebbe cercare di eludere la sintomatologia con una corretta prevenzione.

Lo stress fisico e climatico a cui il nostro corpo è sottoposto durante cambi di stagione o durante il periodo invernale rischia di compromettere le normali difese immunitarie dell’organismo. Questo genera un sovraccarico di tossine e di conseguenza un aumento dei meccanismi di risposta ad infezioni e tossine. Muchi e catarro sono due prodotti tipici di questi sovraccariche che potrebbero facilmente essere evitati attraverso l’alimentazione corretta, sana, ricca di frutta, fibre, antiossidanti e soprattutto ricca di liquidi.

Il ruolo benefico della vitamina C sul raffreddore ed affezioni febbrili, è indubbio. Infatti, questa vitamina agisce sia come rinforzante del sistema immunitario sia come acceleratore del decorso della malattia da raffreddamento. L’assunzione di vitamina C è garantita da una dieta ricca di frutta e verdura, soprattutto se crude. Se l’infezione è tuttavia importante le dosi di Vitamina C devono essere aumentate: uno dei migliori integratori naturali di Vitamina C è la Rosa Canina che stimola il sistema immunitario.

Anche l’Echinacea grazie alle sue proprietà immunostimolanti è una delle piante medicinali più ricercate nel panorama fitoterapico. Il suo crescente utilizzo deriva dalla sua capacità di aumentare la resistenza alle infezioni ed è particolarmente utile nei gli stati influenzali e nella prevenzione delle malattie da raffreddamento. Alcuni minerali come il Manganese, lo Zinco ed il Rame sono riconosciuti dalla comunità scientifica come oligoelementi a sostegno del sistema immunitario perché contribuiscono alla protezione dallo stress ossidativo. Si pensi che la prima profilassi proposta per il trattamento del raffreddore da Rinhovirus era un trattamento a base di compresse di Zinco Gluconato.

Infine non dimentichiamo di menzionare i Fermenti Lattici. Studi clinici condotti hanno dimostrato che l’assunzione di Lattobacilli aumenta fortemente la risposta immunitaria. In presenza di stati patologici come il raffreddore, i Fermenti Lattici aumentano la concentrazione di anticorpi in grado di neutralizzare i virus. I fermenti lattici possono essere utilizzati da tutti senza timore di incorrere in effetti indesiderati: rinforzano le difese immunitarie di adulti e bambini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *